@teatrogoldoni #Nogarin disdica la consulenza a Sator srl e allontani il responsabile di tale scelta @TirrenoLivorno @giucorsi

Noi non abbiamo votato questo Sindaco al ballottaggio.

Non ci convinceva il programma, non ci convinceva la rabbia piena di livore con cui tutto ciò che si definiva “contro” il passato trovava in Nogarin il rappresentante, mettendo insieme chi del sistema paternalistico e spesso personalistico di welfare livornese aveva  tratto vantaggio, chi “marciava” sulla debolezza dei controlli comunali su occupazione di suolo pubblico, gestione dei rifiuti che rimanevano solo slogan, residenze anagrafiche etc. etc..

Non ci stupisce quindi l’articolo apparso stamane su “Il Tirreno” sulla consulenza a alla società Sator srl attraverso Saverio Dutti uno del progetto comunicazione a livello nazionale del M5S .

Non tanto per una consulenza difficilmente giustificabile in termini organizzativi per la “promozione” delle attività della Fondazione, che sarebbe “soltanto” un problema di gestione allegra delle risorse, quanto per il quadro descritto nell’articolo.

Si affida l’incarico ad una società costituita otto mesi prima, che appartiene per il 90% ad un cittadino livornese senza competenze professionali specifiche, chi si dichiara “lavoratore del Movimento 5 Stelle” e che risulta essere l’organizzatore degli eventi dello stesso movimento.

L’incarico, naturalmente, non è pubblicato nemmeno sulla pagina del sito della Fondazione per l’amministrazione trasparente. Elementi che ci fanno sollevare molti dubbi.

Queste sono pratiche che abbiamo già visto a giro per l’Italia e che abbiamo ogni volta censurato.

Perchè si svalutano le competenze del personale assegnato a strutture pubbliche, con l’abolizione delle province, sostenuta dal M5S perché non sono state attinte risorse da quell’ente ?

Perchè si utilizzano le risorse quasi come “argent de poche” del Presidente  ?

Perchè si turba la necessaria trasparenza sull’utilizzo delle risorse pubbliche ?

Crediamo che nell’interesse della Fondazione, dell’Amministrazione comunale che è soggetto principale della Fondazione stessa, del Sindaco che ne è presidente, occorra prendere atto della “leggerezza”, disdicendo la consulenza e chiedendo che chi ne è responsabile venga allontanato.

C’è di mezzo il prestigio delle Istituzioni che non riguarda solo la maggioranza, ma tutti i cittadini.

Sinistra Italiana Coordinamento di Livorno

 

Il Tirreno 30 marzo

Lascia un commento