Solidarietà a Arci Livorno e ai cittadini di Shangai


Da molti mesi Livorno è sottoposta ad una sorta di attacco dalla criminalità organizzata. Se prima si trattava di eventi sporadici, ma eclatanti come i ritrovamenti di grossi carichi di droga al Porto, che avevano sollevato l’attenzione del Procuratore Nazionale Antimafia De Raho, oggi si assiste ad un pericoloso radicamento e ciò che dovrebbe essere letto, oltre alla frequenza, sono i luoghi nei quali questo genere di ‘avvertimenti’ fanno sentire la loro pesante presenza.

 
Guarda caso tutto accade dove la povertà senza prospettive, morde di più. Le chiavi di lettura sono molteplici ma il comune denominatore è sempre lo stesso: la vita nei quartieri popolari della città sta diventando insostenibile, prima di tutto per chi arranca per vivere e come spesso accade diventa vittima di carnefici che muovono i loro passi approfittando di un morbo che parla un unico linguaggio, ed è quello dell’abbandono che travalica ogni soglia di attenzione.
 
Sinistra Italiana, locale e regionale è solidale e vicina a Marco Solimano e a tutta la Comunità di Arci Livorno, perchè colpire una ex – Casa del Popolo, trasformata in luogo di ricostruzione di servizio civile e sociale, equivale ad un colpo che non può essere derubricato come casuale e ci auguriamo che le attività in essere possano proseguire perchè quei luoghi hanno bisogno come l’aria di tutto questo.
 
Ma se la matrice dell’attentato è sempre la stessa, e per la terza volta l’obiettivo è il quartiere Shangai, che sia la malavita che regola i suoi conti, oppure l’estrema destra che conferma di esistere e di rafforzarsi in città, sarebbe utile capire che sono le facce della stessa medaglia e come tali meritano di essere trattate innalzando il livello di guardia, senza speculazioni o dietrologie utili in campagna elettorale.
 
Concordiamo con chi dice che certi luoghi ormai noti alla cronaca e non solo, vadano ripuliti e presidiati con costanza dalle forze dell’ordine al fine di stabilizzare il fenomeno, aggiungiamo però che serve molto di più sulla lunga distanza, un intervento delle Istituzioni di Governo in questa città per non lasciare soli i cittadini che vivono nei quartieri popolari. Ripensare e riqualificare i quartieri non significa pensare al decoro urbano, perchè ciò che un tempo era traguardo per le classi meno abbienti, ovvero la meta di ottenere una casa popolare in cui vivere e costruirsi un futuro, non può diventare un incubo al quale sopravvivere o dal quale fuggire. Per questo, non va solo fatto un controllo di pulizia ordinaria e Polizia, servono progetti che possano riportare opportunità e reddito di vita a chi abita quei luoghi e protezione solo per chi ha diritto e requisiti per viverci.
 
 
 
Andrea Cionini
 
Coordinatore Circolo Territoriale SI Livorno – Collesalvetti
 
Simona Ghinassi
 
Coordinatrice Sinistra Italiana – Federazione di Livorno