“Al lavoro e alla lotta per conquistare la luna”: inaugurata la nuova sede di Sinistra Italiana Livorno

 

“Al lavoro e alla lotta per conquistare la luna”

Con una celebre fase di Pietro Ingrao, annunciamo l’apertura della sede di Sinistra Italiana di Livorno in via Alessandro Pannocchia n.67/69 a Livorno.

Erano presenti all’inaugurazione Laura Lauri, Presidente nazionale di Sinistra Italiana e Giovanni Paglia, tesoriere nazionale di Sinistra Italiana, ma non solo, ed è importante rilevare che la Sinistra livornese era qui, con noi, per questo un ringraziamento è d’obbligo nei confronti di tutti quelli che hanno deciso di esserci per salutare un nuovo inizio. E’ stato molto positivo che anche il Comune di Livorno fosse rappresentato da un membro della Giunta e le parole dell’assessore Morini, confermano la possibilità di un dialogo costruttivo per il bene della città.

La scelta di quel luogo preciso non è per noi un atto di opportunità, ma una reale necessità: tornare nei luoghi dove la Sinistra deve essere, deve tornare ad essere, è fondamentale per rispettare un percorso politico che rimanda all’atto fondativo di Sinistra Italiana. Solo lontano dai riflettori per cogliere una realtà semplice quanto drammatica, vicina alle persone, a quegli ‘ultimi che Pietro Ingrao non ha mai smesso di guardare e non ha mai smesso di rappresentare, la Sinistra potrà rinascere.

Abbiamo deciso con coraggio e con umiltà di intitolare la nostra sezione a Pietro Ingrao, proprio perché seguendo i suoi passi in questo luogo, potremo misurare l’impegno umile del nostro essere militanti, andare controcorrente e con l’incoscienza di chi non vuol perdere la dignità di pensiero e azione, metterci pubblicamente alla ricerca di risposte, di soluzioni condivise e partecipate che vadano a intervenire nei confronti degli stravolgimenti sociali che non solo la città sta vivendo, ma che si stanno radicando in tutto il Paese. Vogliamo abbattere il muro delle differenze, restituire umanità attraverso la tolleranza e farci carico di tutto ciò che la politica ha smesso di guardare: la vita delle persone.

Abbiamo atteso mesi per avere accesso ai due fondi n.67 e 69 di via Pannocchia, dopo la partecipazione ad un bando pubblico di Casalp, volevamo esattamente essere su quella strada perchè qui la crisi la si tocca, la si vive e non puoi girarti dall’altra parte per non vederla. L’abbandono, la solitudine, la disgregazione sociale e la perdita di punti di riferimento sono le caratteristiche di questo contesto che soffre ma non si è arreso e lo dimostra il segnale forte di speranza colto durante i lavori di auto-ristrutturazione per la vicinanza delle persone che vivono in quei palazzi costruiti ottant’anni fa e mostrano tutti i segni dell’incuria e del tempo, ma sono pieni di vita e di storie che vale la pena ascoltare e raccontare. C’è il respiro dei cortili, con i panni stesi che sventolano all’aria, ci sono le voci e le tracce di chi ha vissuto e vive ancora lì ma vorrebbe andare altrove e non può farlo perché obbligato dalla povertà.

Noi saremo lì, per aiutarli a rendere migliore la loro vita, a convincerli a restare e convincerli che non tutto è perduto.

Servirà tempo, servirà fatica, impegno costante e presenza attiva, servirà il rispetto e l’umiltà dell’ascolto. Sinistra Italiana è pronta ad affrontare tutto questo attraverso la proposta di progetti volti al mutualismo e sappiamo che che non saremo soli.

Forse insieme a quella sinistra diffusa che si muove nella città, anche silenziosamente, ma esiste, gli ultimi smetteranno di esserlo.

Sinistra Italiana Federazione di Livorno

Inaugurazione sede di Sinistra Italiana a Livorno

 

Care compagne e cari compagni,

siamo felici di invitarvi all’inaugurazione della nuova sede di Sinistra Italiana di Livorno, sabato 12 maggio 2018, in via Alessandro Pannocchia n. 67/69 a Livorno a partire dalle h.17.30. Sarà con noi Laura Lauri Presidente Nazionale di Sinistra Italiana e Giovanni Paglia, Tesoriere nazionale di Sinistra Italiana e componente della Direzione nazionale di Sinistra Italiana.
Abbiamo scelto questo luogo perché è l’unico posto nella città dove la Sinistra può e deve ricominciare a mettere radici.

Il percorso sarà lungo e difficile, ma presenza attiva e progetti forti, ci aiuteranno con umiltà a ritrovare quel contatto perduto che ci ha impedito di comprendere più velocemente quando la società sia cambiata e con essa i bisogni delle persone.

In questa città così come nel resto del Paese c’è bisogno di Sinistra, non una qualsiasi che si improvvisa, ma una Sinistra che organizzi accoglienza, solidarietà e impegno costante per essere vicina alle persone, senza pretese, ma con lo scopo nobile di tornare ai fondamentali, come l’alfabeto dimenticato prima da chi fa politica che da chi vive sulla pelle i riflessi di scelte che non ci appartengono e stanno distruggendo coesione sociale e futuro Livorno è lo specchio di tutto ciò che sta accadendo in questo Paese e l’unico modo è quello di esserci, prima per ascoltare e poi per agire .

Mai da soli, ma insieme, noi ripartiremo da qui.

Vi aspettiamo.

Simona Ghinassi – Coordinatrice Sinistra Italiana Federazione di Livorno
Andrea Cionini – Coordinatore Sinistra Italiana Circolo Territoriale Livorno Collesalvetti
Danilo Ferrante – Coordinatore Circolo Tematico Sinistra Italiana ‘P.P. Pasolini’

 

Cemento Rosso arriva a Livorno

 

“Cemento Rosso” arriva a Livorno

Il libro di Giuliano Marrucci, autore di Report

sulla grande protagonista del nuovo ordine multipolare: la Cina

«È il più grande e rapido processo di urbanizzazione della storia dell’umanità, il singolo fenomeno che più di ogni altro caratterizzerà questo periodo storico nei manuali di storia dei secoli a venire». Con queste parole Giuliano Marrucci descrive il fenomeno che sta al centro del suo nuovo libro: «Cemento Rosso – il secolo cinese, mattone dopo mattone» (Mimesi Edizioni, 2017).

Autore da oltre 10 anni di Report, il programma di inchiesta più blasonato della TV italiana, da qualche anno Marrucci conduce una battaglia più o meno isolata per portare all’attenzione del grande pubblico il risultato di studi e viaggi svolti nell’arco degli ultimi 5 anni per comprendere oltre gli stereotipi il grande protagonista del nuovo ordine multipolare: la Cina.

Il processo in questione è quello che nell’arco di poco più di 30 anni ha portato quasi 600 milioni di persone a trasferirsi dalle campagne alle città, catapultando dall’oggi al domani una popolazione più ampia di quella dell’Europa a 27 dall’agricoltura di sussistenza al cuore dell’industria globale del XXI secolo. Un processo analizzando il quale l’autore cerca da un lato di delineare le caratteristiche che stanno alla base del «socialismo con caratteristiche cinesi», ma dall’altro ha anche l’ambizione di aprire una riflessione collettiva sulle misure di politica economica che a partire dai singoli territori ci potrebbero permettere di sfruttare al meglio le infinite opportunità che l’ascesa dell’economia cinese potenzialmente ci offre.

Questa «riflessione collettiva» ora arriva anche a Livorno.

Giovedì 21 dicembre alle 17:30, presso la Libreria Erasmo Gaia Scienza a Livorno, Giuliano Marrucci presenterà il suo libro assieme a Laura Lauri, Presidente di Sinistra Italiana, con la moderazione di Cinzia Colosimo, giornalista del Corriere Fiorentino.

L’appuntamento livornese nasce dalla spinta di Sinistra Italiana Livorno, che si è posta una domanda: Livorno può diventare una tappa per la nuova via della seta?

La città della costa toscana infatti è stata scelta da investitori cinesi per le attitudini e per le caratteristiche logistiche che porta come base di sviluppo, in virtù di uno scenario futuro dell’ambito portuale e interportuale attraverso il volano di Piattaforma Europa. Velate reticenze sulla perdita di sovranità, esercitate da un certo mondo imprenditoriale legato all’economia locale, possono mettere a rischio l’operazione degli investitori. Da qui la domanda sulla possibilità o meno di gestire in solitaria una crisi strutturale così importante, in una città fragile come Livorno, che si trova a puntare l’ultima carta vincente su un progetto più volte rinviato, contratto e ridimensionato.

Sinistra Italiana Livorno vuole così iniziare da qui un percorso di conoscenza, uno scambio fra la comunità cinese locale che vanta numeri sempre in crescita, gli investitori cinesi e gli organi istituzionali che vedono nel modello cinese una capacità di impresa piena di potenzialità da sviluppare.

A seguire, h. 20.30, cena di auguri per le festività e lancio tesseramento 2018 a Sinistra Italiana presso La Corte dei Medici in via Ernesto Rossi 18 – Livorno (prenotazioni al 377/2048316 oppure organizzazione@sinistraitalianalivorno.it)

 

Sinistra Italiana apre ad altri soggetti e alla società, obiettivo costruire il Quarto polo

 

Livorno, 16 ottobre – Sinistra Italiana intende mettersi a disposizione per costruire un polo politico alternativo al Pd e ai suoi alleati, al Centrodestra e ai Cinquestelle. Questo è l’indirizzo politico emerso ieri, domenica 15 ottobre, nel corso dell’assemblea regionale toscana del partito. Lo ha ribadito il segretario nazionale, Nicola Fratoianni, il quale ha chiarito che “attraverso una sorta di iter costituente saranno individuati, reciprocamente, alleati ed interlocutori, in modo da presentare il cosiddetto Quarto polo già alle prossime elezioni per il rinnovo del Parlamento nazionale, previste per l’anno prossimo”.
Nel corso dell’assemblea è emerso, con forza, che “la posizione di Sinistra Italiana sta all’interno del percorso inaugurato al teatro Brancaccio di Roma”, dove Tommaso Montanari ed Anna Falcone hanno proposto la nascita di un soggetto alternativo agli altri già esistenti, di fatto, in Italia. Quel progetto, ha ricordato Fratoianni, “è stato condiviso e aiutato da Sinistra Italiana fin dal primo momento”. Il percorso del Brancaccio si propone di dar vita a un contenitore attraverso il quale, e dentro il quale, riavvicinare la politica alla società civile e far crescere la partecipazione, al fine di ricostruire la Sinistra. Questi concetti sono stati espressi anche da Alessia Petraglia, senatrice di Sinistra Italiana.
All’assemblea regionale, che si è svolta al circolo Arci Salviano, erano presenti i segretari regionali Marco Sabatini e Daniela Lastri. La segretaria della federazione di Livorno, Simona Ghinassi, ha parlato di percorso che deve essere fatto “assieme a chiunque, a sinistra, abbia voglia di confrontarsi e di costruire un nuovo soggetto politico”. Il suo, dunque, è stato un intervento di natura inclusiva, evidentemente rivolto agli altri soggetti che possono essere interessati alla ricostruzione della Sinistra politica. Quali sono questi soggetti è un punto “in divenire”. Non sono stati fatti nomi precisi. Dal dibattito, tuttavia, è emerso con chiarezza che soggetti come Possibile e Mdp sono gli interlocutori più accreditati, senza dimenticare Rifondazione e il nuovo Pci.

http://www.costaovest.info/sinistra-italiana-apre-ad-altri-soggetti-e-alla-societa-obiettivo-ricostruire-la-sinistra/

 

 

Assemblea Regionale di Sinistra Italiana Toscana e pranzo di solidarietà al Circolo Arci Carli Salviano

 

Domenica 15 ottobre pranzo di solidarietà organizzato da Sinistra Italiana Toscana al circolo Arci Carli di Salviano, iniziativa che servirà a raccogliere fondi per la ricostruzione della ‘sala polivalente – biblioteca’, gravemente danneggiata dall’alluvione del 10 settembre.Appuntamento dalle 13.30, al termine dell’assemblea regionale convocata per le 09.30 al Circolo Arci Carli di Salviano.

Il ricavato delle offerte verrà donato al Circolo Arci Carli per far rinascere prima possibile tutte le attività che si svolgevano all’interno dei locali che ospitano le molte associazioni ricreative e sociali così importanti per un quartiere a oggi ancora molto disagiato. Per questo auspichiamo una grande partecipazione.

All’iniziativa convocata dai due coordinatori regionali Daniela Lastri e Marco Sabatini, sono stati invitati anche tutti i deputati e i senatori di Sinistra Italiana.e saranno presenti Nicola Fratoianni, Segretario Nazionale di Sinistra Italiana e Laura Lauri, Presidente Nazionale di Sinistra Italiana.