Buon 2019 !

Care compagne e cari compagni,
in questo scorcio di fine anno, mi preme esprimere un ringraziamento a tutti voi, iscritti e simpatizzanti di Sinistra Italiana in questa città così come in Provincia.
È stato un anno duro, denso di cambiamenti ma con una rotta precisa che non si è modificata per le forti motivazioni che porta. Non sono mutati i punti cardinali e non è mutata la nostra mappa del cuore.
Rappresentare una parte della Sinistra oggi non è semplice, non basta la volontà, servono principi e motivazioni valide nel profondo.
Noi le abbiamo fatte crescere guardando in faccia l’emergenza della vita delle persone.

La nostra sede #viapannocchia67 non è un osservatorio asettico, ma un luogo dove passano storie reali che lasciano tracce e segni indelebili e rafforzano il nostro baricentro: fanno parte di noi.
Esserci è la sola scelta possibile per capire. Servono le lacrime, la partecipazione, ma anche la pazienza di restare fermi e in equilibrio. Solo così possiamo divenire utili. Serve la trasparenza, l’attitudine all’osservanza delle regole. Questo, per noi significa entrare a far parte di una comunità ed essere credibili.
La nostra sede è aperta a chi vuole entrare e quel largo marciapiede sulla strada è un’estensione dello sguardo sul quale misurare le capacità di ognuno di noi a misurarci con ciò che ci circonda, toccandolo, fino alle viscere quando è necessario.
Abbiamo scelto #viapannocchia67 per questo, lontani dal centro, lontani da tutto ciò che non ti mostra l’altro lato delle cose, anche se guardarle fa male. Così come abbiamo scelto l’attesa, mettendoci in lista come tutti quelli che aspettano per avere un luogo dove ricostruire un cammino di vita.
Senza scorciatoie o favori.
Il nostro bilancio è chiaro, trasparente , pubblico perché riteniamo che la politica, soprattutto quella di Sinistra sia un bene pubblico da poter condividere, nella città e con la città, con i compagni di strada che abbiamo scelto e ci hanno scelto per prepararci alla lotta e cambiare il volto di Livorno e farla rinascere.
Essere alternativi implica questo, sappiamo di essere naviganti in un mare agitato nel quale dovremo spesso remare controcorrente, ma ci servirà per poter guardare la realtà, quella che molti hanno smesso di guardare.
Cosa augurarci e augurarvi per il 2019? L’elenco sarebbe lunghissimo da scrivere, basta dire che serve cambiare tutto.
Servirà il coraggio, unito ad una buona dose di umiltà, di ricominciare a provare riconoscenza nei confronti di chi ci starà a fianco e ci sorreggerà nei momenti più difficili, e sapere che non saremo mai soli.

Auguri, buon 2019.

Simona Ghinassi

Coordinatrice Sinistra Italiana – Federazione di Livorno

Auguri Compagne e Compagni

Ci attende un Natale magro, povero di aspettative.
La politica di governo corre, detta le sue leggi per chiudere un cerchio mefitico attorno a noi e poter mettere un sigillo su questa fine anno.
A Natale, ognuno di noi tende a rifugiarsi negli affetti, in ciò che di caro possiede e di prezioso ha intimamente costruito attorno a se, ma sappiamo bene che in qualche modo, gli altri, quelli fuori dalla nostra porta siamo noi.
Sarà una pausa breve, giusto il tempo di un brindisi privato che durerà poco per la Sinistra, ci attende la lotta, oltre il muro dell’indifferenza.

Simona Ghinassi

Coordinatrice Sinistra Italiana – Federazione di Livorno