Solidarietà a Arci Livorno e ai cittadini di Shangai


Da molti mesi Livorno è sottoposta ad una sorta di attacco dalla criminalità organizzata. Se prima si trattava di eventi sporadici, ma eclatanti come i ritrovamenti di grossi carichi di droga al Porto, che avevano sollevato l’attenzione del Procuratore Nazionale Antimafia De Raho, oggi si assiste ad un pericoloso radicamento e ciò che dovrebbe essere letto, oltre alla frequenza, sono i luoghi nei quali questo genere di ‘avvertimenti’ fanno sentire la loro pesante presenza.

 
Guarda caso tutto accade dove la povertà senza prospettive, morde di più. Le chiavi di lettura sono molteplici ma il comune denominatore è sempre lo stesso: la vita nei quartieri popolari della città sta diventando insostenibile, prima di tutto per chi arranca per vivere e come spesso accade diventa vittima di carnefici che muovono i loro passi approfittando di un morbo che parla un unico linguaggio, ed è quello dell’abbandono che travalica ogni soglia di attenzione.
 
Sinistra Italiana, locale e regionale è solidale e vicina a Marco Solimano e a tutta la Comunità di Arci Livorno, perchè colpire una ex – Casa del Popolo, trasformata in luogo di ricostruzione di servizio civile e sociale, equivale ad un colpo che non può essere derubricato come casuale e ci auguriamo che le attività in essere possano proseguire perchè quei luoghi hanno bisogno come l’aria di tutto questo.
 
Ma se la matrice dell’attentato è sempre la stessa, e per la terza volta l’obiettivo è il quartiere Shangai, che sia la malavita che regola i suoi conti, oppure l’estrema destra che conferma di esistere e di rafforzarsi in città, sarebbe utile capire che sono le facce della stessa medaglia e come tali meritano di essere trattate innalzando il livello di guardia, senza speculazioni o dietrologie utili in campagna elettorale.
 
Concordiamo con chi dice che certi luoghi ormai noti alla cronaca e non solo, vadano ripuliti e presidiati con costanza dalle forze dell’ordine al fine di stabilizzare il fenomeno, aggiungiamo però che serve molto di più sulla lunga distanza, un intervento delle Istituzioni di Governo in questa città per non lasciare soli i cittadini che vivono nei quartieri popolari. Ripensare e riqualificare i quartieri non significa pensare al decoro urbano, perchè ciò che un tempo era traguardo per le classi meno abbienti, ovvero la meta di ottenere una casa popolare in cui vivere e costruirsi un futuro, non può diventare un incubo al quale sopravvivere o dal quale fuggire. Per questo, non va solo fatto un controllo di pulizia ordinaria e Polizia, servono progetti che possano riportare opportunità e reddito di vita a chi abita quei luoghi e protezione solo per chi ha diritto e requisiti per viverci.
 
 
 
Andrea Cionini
 
Coordinatore Circolo Territoriale SI Livorno – Collesalvetti
 
Simona Ghinassi
 
Coordinatrice Sinistra Italiana – Federazione di Livorno
 
 
 
 
 

Adesione al presidio di Livorno “Aprite i porti”

 

Sinistra Italiana Federazione di Livorno aderisce alla mobilitazione Aprite i porti che si terrà Mercoledì 13 giugno ore 18 al Porto Mediceo di Livorno – Andana degli anelli – Arci, Anpi e Cgil promuovono una mobilitazione cittadina contro la scelta scellerata e sciagurata del nuovo governo italiano di negare lo sbarco, nei porti italiani, alla nave Aquarius.

Ritardare le operazioni di sbarco significa mettere a rischio la vita di 629 persone, che si trovano ancora in alto mare e che cercano di raggiungere il porto di Valencia.

Mobilitarsi è un dovere morale e civile come quello di chiedere con urgenza ai rappresentanti del governo italiano di riaprire immediatamente i porti italiani per accogliere i migranti.

La popolazione livornese, forte della propria cultura di accoglienza e solidarietà non può permettersi di stare in silenzio davanti a scelte di governo così disumane e irresponsabili. Il presidio voluto da Arci, Anpi e Cgil si svolgerà presso il Porto Mediceo, luogo simbolo della città di Livorno, per dare un segnale di apertura e solidarietà ai popoli in fuga e ai loro soccorritori perchè possano trovare nel mare un luogo di transito verso la salvezza e non un limbo da cui non si riesce ad uscire.
“Le porte possono anche essere sbarrate, ma il problema non si risolverà, per quanto massicci possano essere i lucchetti”.

Contro ogni frontiera, restiamo umani. #Apriteiporti

 

Alternativa Festival… alcune presenze !

 

Alternativa Festival nasce da un progetto collettivo di Sinistra Italiana Livorno, una collaborazione fra le tre strutture organizzative di Sinistra Italiana del territorio livornese: Circolo Territoriale di Livorno Collesalvetti, Federazione di Livorno e Circolo tematico Pier Paolo Pasolini. Questo Festival che inizierà il 24 agosto e terminerà il 27 agosto si svolgerà al Circolo Arci “Divo Demi”, uno dei luoghi storici per eccellenza di Livorno, un luogo denso di tracce, di segni, di ricordi e memorie che appartengono alla Sinistra di questa città e sono sopravvissute grazie alla loro forza evocativa. 
La location stessa e il contesto dell’intorno, rappresentano una scelta precisa che identifica una linea di pensiero, quel filo rosso mai spezzato che ancora si legge sui muri degli isolati che convergono sul grande obelisco centrale della piazza e sono fatti di storie e figure divenute quasi mitologiche per l’immaginario collettivo, forti al punto da poterle ancora sentire e toccare.
Questo Festival sarà un momento unico, ricco di temi politici e culturali legati ai fondamentali del pensiero di sinistra che Sinistra Italiana ha fatto propri, con presenze di primo piano a livello nazionale. Si parlerà di politica, di antifascismo, di integrazione sociale, ma soprattutto di lavoro, quello che non c’è e quello che vorremmo, e poi di cultura che è nata qui e fa parte di noi come una seconda pelle ma non siamo mai abbastanza attenti per indossarla nel modo più giusto.

Ciò che di meglio la Sinistra può offrire oggi per i contenuti e le visioni che riguardano il futuro di questo paese e di questa città, lo troverete qui, alla Guglia, un quartiere simbolo che Sinistra Italiana vuole aiutare a far rinascere.

Hanno confermato la loro presenza per discutere con noi: 

Giovanni Paglia – Sinistra Italiana, Andrea Pertici – Possibile, Stefano Galieni – PRC, Paolo Fontanelli – Articolo UNO – Movimento Democratico e Progressista, Claudia Pratelli – Sinistra Italiana, Marta Fana – ricercatrice in economia presso Sciences Po, Claudio Riccio – Sinistra Italiana, Matteo Pucciarelli – giornalista la Repubblica, Filippo Gherarducci – Flc Cgil Livorno, Lamberto Giannini – insegnante pedagogista, Frida Nacinovich – blogger Sinistra Sindacale, Giulio Cesare Ricci – discografico Fonè, Maurizio Brotini – Cgil Toscana, Marco Sisi – video maker Rai3, Pino Salerno – giornalista Jobsnews.it, Marco Solimano – Arci Livorno, Marco Bruciati – Buongiorno Livorno, Silvano Cacciari – blogger Senza Soste, Andrea Raspanti – Futuro!, Fabrizio Zannotti – Cgil Livorno, Riccardo Chiari – il manifesto, Chelli Otello – scrittore e opinionista, Guido Guastalla – editore e gallerista, Federico Tortora – Le Cicale Operose … e ci saranno altre presenze ai dibattiti e eventi culturali !

Vi aspettiamo !
https://www.facebook.com/events/424850274576318/

Sinistra Italiana sarà presente sabato a Livorno all’iniziativa “Basta con i fascismi”

 

Sinistra Italiana – Federazione di Livorno aderisce alla giornata nazionale antifascista del 27 maggio e sarà presente a Livorno in Piazza Grande al presidio che si terrà dalle 16:30 alle 18:30 promosso da ANPI con la collaborazione di ARCI e CGIL.
Partecipiamo convintamente alla giornata antifascista lanciata da ANPI a livello nazionale con la nostra precisa volontà di costruire nel Paese una diffusa coscienza nazionale sul problema dell’intensificarsi del fenomeno e della minaccia neofascista in Italia e nel mondo, dei razzismi, della xenofobia e sulla necessità, quindi, di una piena attuazione dei principi e dei valori della Costituzione nata dalla Resistenza. 
Invitiamo i nostri iscritti, i simpatizzanti e tutti cittadini che hanno cari i valori della democrazia e dell’antifascismo a partecipare numerosi.

Simona Ghinassi 

Coordinatrice Sinistra Italiana – Federazione di Livorno