Succede a Livorno, 91 anni e 26 ore lasciato su una barella

 

Suscitano, sconcerto , amarezza e preoccupazione apprendere notizie dalla stampa cittadina che si riferiscono alla storia di un paziente di 91 anni, svoltasi il 14 ottobre scorso che ha atteso su una barella 26 ore in pronto soccorso prima di avere un posto letto vero, in corsia, di medicina generale e uscire finalmente dalla zona più critica del presidio ospedaliero , quale è il pronto soccorso.

I pazienti che attendono in pronto soccorso ore , un posto letto non è una novità ne ha Livorno ne in altri presidi ospedalieri in tutto il paese .

La grave e incomprensibile carenza dei posti letto è cosa nota da tempo !

Il nostro paese, ancora una volta fa peggio, si è posto sotto la media del resto dei paesi Europei. Tra il 2000 e il 2009 ha cancellato tra pubblico e privato ma sopratutto nel pubblico 45000 posti letto il 15% del totale . Con l’ossessione politica di abbattere i posti letto per risparmiare , giustificata anche dalla solita riorganizzazione , razionalizzazione , efficacia ed efficienza della sanità ,si rischia di depotenziare tutto il sistema.

Si è continuato a tagliare posti letto in tutta la Regione e a Livorno negli ultimi 4 anni si sono persi circa 60 posti. la politica dei tagli, assieme alla esternalizzazioni dei servizi, indebolisce il sistema sanitario pubblico.

Scelte sbagliate tanto care all’Assessora Saccardi che in questi giorni leggiamo coinvolta in uno scandalo legato alla sua abitazione e al rapporto fra suo Assessorato e la proprietà della casa in cui risiede.

Sinistra Italiana Livorno è convinta che solo una adeguata programmazione tra territorio e presidi ospedalieri si possa vincere la dura sfida per una sanità appropriata a rispondere alla pressante domanda di servizi e di salute in continua crescita tra i cittadini.

Gino Palmieri – Gruppo Sanità

Circolo Territoriale Sì Livorno – Collesalvetti

 

Lascia un commento