Pietro Grasso domenica 21 ottobre a Livorno non per Liberi e Uguali ma per Art.1. – MDP

 

Sinistra Italiana – Federazione Livorno e il Circolo Territoriale SI di Livorno Collesalvetti, intendono precisare che non sono state coinvolte nell’organizzazione dell’iniziativa di domenica 21 ottobre che ospiterà il Senatore Pietro Grasso, leader nazionale di Liberi e Uguali, in via dell’Angiolo 40 alle 16.00 all’interno della sede di Art.1 – MDP Livorno e organizzata dalla stessa Art.1 – MPD Livorno e Toscana. (Si allega volantino e link evento Facebook https://www.facebook.com/events/1347341798741768/ con i suoi organizzatori Art.1 – MDP Livorno e Serena Spinelli – Coordinatrice Art.1 – MDP Toscana).

Non capiamo come mai il Senatore Grasso nel tour di questa settimana: giovedì a Sassari, venerdì a Sesto San Giovanni, sabato Forlì e Carpi e domenica Reggio Emilia sia andato andato ad iniziative organizzate da LeU mentre a Livorno scelga Art.1 – MDP, che in questi giorni attraverso il suo portavoce nazionale Roberto Speranza ha fatto nei suoi confronti, non poche critiche. Nello stesso tempo ci dispiace dover rilevare che il Senatore Grasso, persona verso la quale nutriamo grandissima stima e pieno rispetto politico, non sia stato informato che a Livorno immediatamente dopo le elezioni politiche del 4 marzo 2018, non si è purtroppo mai concretizzato il percorso di Liberi e Uguali, non per nostra volontà ma perché non c’erano le condizioni politiche per adempiere al compito di costruire un reale percorso politico congiunto che fosse realmente alternativo all’idea di centro sinistra e si allontanasse da questioni di calcolo numerico ed elettorale.

A oggi, Art.1 – MDP governa questa Regione in maggioranza con il PD (rappresentato dalla renzianissima Segretaria Bonafè) non c’è stato alcun cambio di passo sulle scelte così come sulle posizioni e sulle azioni tali da tracciare una linea netta di distacco dal passato da parte del Presidente Rossi esponente di Art.1- MDP che si attesta a fasi alterne su posizioni ora vicine e ora lontane a LeU.

Vorremmo sapere se a oggi ci siano le condizioni per fare chiarezza e prendere una decisione anche in Regione, dopo il documento emerso dalla direzione nazionale di Art.1 – MDP da parte della componente più critica che si attesta su posizioni critiche rispetto al documento emerso dal coordinamento nazionale di Art.1 – MDP, e capire se esistono le condizioni da parte loro di condividere quanto proposto da Sinistra Italiana per le Europee nonché la costruzione di proposte per le amministrative in netta rottura con il centro-sinistra e il PD.

Sinistra Italiana si colloca all’interno di un movimento di sinistra largo ma radicalmente alternativo al PD e che non accetta imposizioni neoliberiste e si confronta con tutte quelle forze che vi si oppongono, inevitabilmente tutto questo ricadrà sulle scelte politiche nazionali e locali; pertanto a Livorno proseguiremo il percorso già avviato di dialogo con altre forze per la costruzione di una sinistra alternativa, indisponibili ad accogliere il richiamo alle tentazioni del centro sinistra. Cambiamento per noi significa ricercare volti nuovi e nuovi stimoli che possano rispondere e soprattutto rappresentare i bisogni dei cittadini, degli ultimi così come dei penultimi in questa città in pericoloso declino. Per questo, le nostre porte resteranno aperte a chi assumerà posizioni radicali e popolari, di reale e non fittizio rinnovamento, nel contenuto così come nella proposta politica, ivi incluso Art.1 – MDP, qualora fosse disponibile a modificare il suo punto di vista atto a ripercorrere la strada del centrosinistra come già conclamato in campagna elettorale prima e dopo il 4 marzo.

Esecutivo Sinistra Italiana – Federazione di Livorno

Coordinamento Circolo Territoriale SI Livorno Collesalvetti

 

Lascia un commento