#Livorno terza in #Toscana per #voucher, triste medaglia di bronzo @SinistraIt_

Sinistra Italiana di Livorno dopo aver appreso gli allarmanti dati riguardo al vertiginoso ed esponenziale moltiplicarsi dell’uso dei voucher nella Provincia di Livorno che risulta al terzo posto in Toscana, conferma con forza il suo impegno nella campagna referendaria di CGIL. Ci uniamo al coro di denuncia contro la fluidità e la provvisorietà di uno strumento strettamente connesso alle politiche del PD messe in atto prima dal Governo Renzi e portate avanti senza soluzione di continuità dal Governo Gentiloni. La pretesa di flessibilità come strumento di sviluppo, non fornisce altro che destabilizzazione, mette in ginocchio un mercato del lavoro sempre più fragile, trasformando la precarizzazione, con accanimento inaudito tramite lo sblocco normativo attuato in seno al Jobs Act, in atto consolidato senza scampo. Ciò avviene attraverso un’esplosione di assunzioni a termine senza regole in ogni attività strettamente connessa agli equilibri produttivi in questa città, dove la disoccupazione soprattutto giovanile tocca da molti mese vette spaventose. Se precedentemente il fenomeno era circoscritto esclusivamente ad alcuni comparti precisi, come quello agricolo o strettamente stagionale legato alla vocazione turistica, si assiste ora ad un allargamento di campo che coinvolge tutte le prestazioni lavorative a dispetto di diritti acquisiti, con la trasformazione dei contratti di lavoro in autentici strumenti di ricatto che piegano ogni volontà alle necessità di migliaia di lavoratori a oggi disposti purtroppo ad accettare qualsiasi cosa per sopravvivere. Precarizzazione significa contrazione di diritti costituzionali acquisiti e Sinistra Italiana non accetterà mai di scendere a patti su questo tema fondamentale per lo sviluppo futuro di questa città anche perché strettamente connesso al futuro dei suoi cittadini.

Lascia un commento