Dispositivo Assemblea Nazionale 9/10 febbraio

Negli ultimi anni abbiamo conosciuto l’Unione Europea come spazio del liberismo, dell’austerity e dei risorgenti egoismi nazionali.
Le lavoratrici e i lavoratori non hanno trovato nel quadro dell’Unione la condizione di un miglioramento della propria condizione di vita, ma hanno piuttosto dovuto subire la pressione del dumping salariale, la spinta alla soppressione dei propri diritti, il mandato al taglio del welfare, a partire da quello pensionistico.
Paesi come la Grecia sono stati ridotti alla povertà, in nome dell’equilibrio finanziario, che altro non è che la tutela degli interessi delle grandi banche internazionali e dei fondi di investimento.
Nulla è stato fatto invece per garantire il rispetto dello stato di diritto in paesi come l’Ungheria di Orban, lasciata libera di avviarsi verso forme di autoritarismo, purché continui a garantire le migliori condizioni di investimento al capitale estero.
Trattati come il TTIP e il CETA sono stati supportati in ogni modo da Bruxelles, nonostante mettano a rischio la nostra salute, i diritti di chi lavora e la sostenibilità della nostra agricoltura.
Non c’è traccia invece di un’azione efficace contro i paradisi fiscali interni, come Olanda, Irlanda o Lussemburgo, che drenano secondo Oxfam oltre 6 miliardi di tasse annue al nostro paese, a tutto vantaggio delle multinazionali.
La stessa questione epocale delle migrazioni è stata gestita in spregio a qualsiasi vincolo di solidarietà, costringendo i migranti a essere prigionieri del paese di ingresso, e i paesi di ingresso a gestire in solitudine l’accoglienza.
Si é tollerato che il Mediterraneo diventasse un cimitero e che barriere di filospinato tornassero a chiudere i confini orientali.
Nè possiamo essere soddisfatti di quanto fatto finora per combattere la vera sfida strategica del nostro tempo, quella contro i mutamenti climatici e per la giustizia ambientale.
Mai come oggi è necessario un green new deal, che impegni tutte le istituzioni comunitarie, a partire da BEI e BCE.
Tutto questo é stato voluto e permesso dalla grande coalizione fra Popolari e Socialisti, custodi di un europeismo di facciata e cinico, e allo stesso tempo dalla finta alternativa delle destre nazionaliste, che puntano ad un illusorio ritorno a Stati nazionali trasformati in caserme.
Noi non possiamo arrenderci a dover scegliere fra liberisti e destra nazionalista: serve un terzo spazio, che riconosca l’Europa come la dimensione minima per riaprire il conflitto contro il capitale, per la giustizia sociale, fiscale e ambientale, nella consapevolezza di dover cambiare l’assetto istituzionale imposto dagli attuali Trattati.
Sinistra Italiana si è impegnata negli ultimi mesi a ricercare la massima confluenza dei soggetti e movimenti civici, ecologisti e di sinistra, per costruire una lista che insistesse proprio in quel terzo spazio.
È stato un lavoro faticoso, troppo spesso sottratto al dibattito pubblico e alla partecipazione diffusa, che avrebbe forse potuto consentire un migliore sviluppo.
Lo abbiamo affrontato partecipando anche al confronto promosso dal sindaco di Napoli De Magistris, fino alla sua scelta di considerarsi non interessato alle elezioni europee.
Avremmo voluto che le famiglie dei Verdi europei e della Sinistra Europea potessero condividere lo stesso progetto elettorale.
Purtroppo non è stato possibile, per la legittima scelta dei Verdi italiani di chiudere ad un incontro con la sinistra.
Abbiamo quindi riscontrato l’interesse degli aderenti italiani alla Sinistra Europea di mettersi a disposizione di un progetto dalle caratteristiche simili a quelle da noi immaginate.
Proponiamo quindi che si parta da qui, con l’ambizione dichiarata e praticata di coinvolgere alla pari da subito soggettività e personalità della sinistra, del civismo e dell’ecologismo, a partire da quelle con cui negli ultimi mesi abbiamo condiviso percorsi di confronto e sintesi politica.
Siamo consapevoli del ritardo con cui arriviamo a questo appuntamento, e quindi della necessità di chiudere in tempi brevi il perimetro della lista, per poi affidarne le fasi successive a percorsi democratici e inclusivi.
Riteniamo che sia indispensabile fin dai primi passi affidarne la direzione politica e organizzativa a un comitato caratterizzato da innovazione e dalla forte connotazione femminista, che riconosca il contributo delle organizzazioni, ma con la volontà di rappresentare una realtà più ampia.
Crediamo infatti che esistano molte persone da coinvolgere in un progetto che parli del diritto di lavorare in condizioni di dignità e sicurezza, di vivere in un ambiente salubre e curato, di avere istruzione e sanità pubbliche di qualità.
Un progetto che recuperi la centralità dei beni comuni contro le rendite e la speculazione, e che abbia il coraggio di dire che i poveri sono tali perché i ricchi hanno troppo, rilanciando la patrimoniale e la lotta all’evasione fiscale.
Un progetto da sviluppare in un’Europa democratica e accogliente, libera dal fiscal compact e con una banca centrale al servizio dei cittadini e non della finanza.
Da oggi siamo tutti ancora più impegnati a mettere in campo una lista all’altezza della sfida.

L’Assemblea Nazionale di Sinistra Italiana approva di partecipare alla costruzione di una lista che coinvolga i partiti aderenti alla Sinistra Europea, movimenti civici ed ecologisti, personalità del campo democratico e progressista delega la Direzione Nazionale ad approvare i nominativi del Partito da inserire nella lista per le elezioni europee

Lascia un commento