#1maggio, qualcosa di più di una semplice ricorrenza !

Il Lavoro è un diritto fondamentale per la vita di tutti gli uomini e le donne, per la loro dignità e la propria autonomia.
Vorremo che il 1º maggio non fosse soltanto una semplice ricorrenza quanto il momento più significativo di ricordare il valore del lavoro stesso. Sentiamo l’esigenza di ricostruire e rilanciare una vera e propria cultura del lavoro in modo che possa restituire dignità e prospettive reali alle persone che di questo vivono.
Implicito quanto scontato, ricordare quindi l’importanza delle lotte sociali e sindacali che hanno visto i lavoratori e le lavoratrici affiancate, in una lotta talvolta impari, dallo stesso movimento sindacale.

Oggi un liberismo senza freni condiziona l’economia reale e le scelte politiche; toglie diritti, aspettative e dignità alle persone che vogliono vivere onestamente del proprio lavoro, contrapponendo allo stesso, l’arbitrio e l’arroganza di un libero mercato che cerca di sostituirsi alle regole imponendosi senza condizioni.

A Livorno il Lavoro è un miraggio che appare sempre più lontano: c’è poco da festeggiare! Forse è venuto il momento di fare cessare la politica degli annunci e dei proclami che troppe volte hanno avuto solo una finalità elettorale.
Impossibile non sottolineare con amarezza le stesse promesse ancora non mantenute dallo stesso Presidente della Regione Enrico Rossi. Va costruito, invece, un progetto di sviluppo industriale, economico e sociale compatibile con l’ambiente; che tenga conto delle potenzialità e delle risorse del territorio.
Tra le più significative la proposta di una Darsena Europa finalmente operativa; tenendpo però presente che le risorse economiche reperite dall’Autorità Portuale di Livorno rappresentano una tappa importante ma non il vero e unico punto d’arrivo per un rilancio occupazionale (e pieno) della città stessa.

Sinistra Italiana punta ad individuare progetti che possano investire risorse nel mondo della Cultura, del Turismo e della Portualità, cercando di valorizzare l’intera costa Tirrenica. Livorno ha bisogno di questo per rilanciare le proprie attitudini.

Il Primo Maggio Labronico non può essere limitato ai soli festeggiamenti musicali o ad una sterile difesa dei beni comuni in aree occupate: serve un progetto di rilancio economico della città concreto, concertato e realizzabile.

Siamo consapevoli, oggi più che mai, della necessità di chiedere a gran voce un cambio di rotta politico e sociale volto ad incentivare una serie di politiche attive e maggiormente incisive in campo occupazionale, così come recitano le regole sancite dalla Costituzione. La sinistra continuerà a battersi per questo, ricordando che parlare di lavoro significa in primis pensare a tutti coloro che, incolpevolmente, il lavoro ancora non sanno neppure cosa sia !

Sinistra Italiana Livorno

primo_maggio

Lascia un commento